Guida semiseria alle attrazioni di Trento

Ma chi l’ha detto che a Trento non c’è nulla di interessante da fare? Dietro la sua maschera di pace e tranquillità, la città e i suoi dintorni hanno piccole e grandi attrazioni da offrire. Anche dopo la passeggiata in centro, c’è ancora qualcosa da fare… per tutti i gusti.

PER CHI AMA I BEAR

Li cercate su Grindr, ma siete mai stati faccia a faccia con un vero orso? Il MUSE, Museo delle scienze, è il posto che fa per voi. Un museo delle scienze modernissimo e tecnologico dove è un piacere perdersi tra animali, fossili, rocce e una serra tropicale. Adatto alle famiglie, accessibile alle persone con disabilità, perfetto per chiunque. (Da 2 a 5 ore; informazioni)

PER LE REGINE DEL DESERTO

Ammettetelo, la scena finale di Priscilla, la regina del deserto vi ha folgorato. E se una piccola scalata non ha fatto paura a Mitzi, perché dovrebbe spaventare voi? Basta mettere i tacchi in borsetta e indossare un paio di scarpe comode per risalire il Doss Trento, ammirare la vista sulla città dalla cima della collina e visitare il memoriale a Cesare Battisti. (1 ora; informazioni)

PER CHI PROPRIO NON VUOLE STANCARSI

Preferite risparmiare le energie per la parata? Come biasimarvi! A due passi dalla stazione ferroviaria è possibile prendere la funivia per Sardagna, una piccola frazione di Trento da cui è possibile vedere l’intera città prima della nostra marcia trionfale. (Da 30 minuti a 1 ora; informazioni)

PER CHI ADORA CATENE E LUCCHETTI

Se passare un intero giorno lontano dal vostro dungeon è una vera tortura, non perdetevi una visita al Castello del Buonconsiglio, una residenza principesca costruita tra il XIII e il XVIII secolo e sontuosamente affrescata (Informazioni) Completate la visita con un giro a Tridentum, la città sotterranea, un percorso nella Trento antica la cui parte più notevole è lo Spazio archeologico sotterraneo del Sas. Accessibile alle persone con disabilità motoria. (Da 1,5 a 2,5 ore; informazioni)

PER LE CAMIONISTE

Amate la cultura, ma volete sentire il brivido della strada anche quando siete in città? Trento ha una vera chicca per voi: le Gallerie di Piedicastello, due ex gallerie della tangenziale oggi convertite in sede della Fondazione Museo Storico del Trentino. Lungo i loro 300 metri di spazi espositivi ospitano mostre temporanee (a ingresso gratuito) di grande impatto scenico. Accessibile alle persone con disabilità motoria. (Da 30 minuti a 2 ore; informazioni)

PER CHI SUBISCE IL FASCINO DELLA DIVISA

Se gli aerei – e chi li pilota – sono la vostra passione, non vi potete perdere il Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni, un museo appena fuori dalla città che ospita la prima collezione aeronautica al mondo. Accessibile alle persone con disabilità motoria. (Da 1 a 2 ore; informazioni)

PER CHI CERCA L’AVVENTURA…

ma non vuole fare fatica, provate a visitare l’Orrido di Ponte Alto. Un gioiello a pochi minuti di autobus dal centro storico, l’Orrido è un profondo canyon scavato dalle acque del torrente Fersina, messo al sicuro da un sistema di briglie che lo rendono una delle più antiche opere idrauliche al mondo. Se volete vedere da vicino le cascate di Trento, non dimenticate di informarvi sugli orari di apertura! (1 ora; informazioni)