«Buonasera signore e signori a tutti quanti! Niente paura, fatevi avanti, il mondo dei colori vi aspetta!»: si apre così la canzone del Dolomiti Pride, con un invito a prendere parte “senza timore, né vertigine” alla grande festa che il prossimo 9 giugno colorerà le strade di Trento. “Proprio come te” è il titolo scelto dagli autori e dalle autrici per questo brano, fresco come una canzone che anticipa l’estate, ma con un testo profondo che parla di inclusione, visibilità e rispetto, gli stessi temi che ricorrono nel manifesto politico del Dolomiti Pride.

A curare la base, il mix, il testo e l’interpretazione della canzone un team tutto trentino composto da Roberto Lunelli (produzione e musica), Caterina Acler e Lucia Poli (testo e voce), Andrea “Potter” Cristofori (mix e mastering). Un lavoro iniziato diversi mesi fa, quando il gruppo che segue la comunicazione del pride si è messo alla ricerca di un brano che potesse incarnarne alla perfezione lo spirito e fare da colonna sonora al video che da qui al 9 giugno promuoverà il pride su tutte le piattaforme social. Quella canzone ancora non esisteva, ma ora, grazie alla creatività e al talento di Roberto, Caterina, Lucia e Andrea, possiamo contare su uno strumento in più per fare arrivare lontano il nostro messaggio.

Da oggi il brano è distribuito presso i principali network radiofonici della regione e a breve sarà disponibile per il download o lo streaming anche su oltre 250 piattaforme digitali (Spotify, Apple Music, Google Play Music…).

A supporto della canzone è stato realizzato un video con riprese effettuate in tempi record (meno di 48h) nel centro storico di Trento.

Anche in questo caso i protagonisti sono i colori, a partire dai capelli rosa e dall’abito blu elettrico di Miss Pomponia, la drag queen che accendendo lo stereo dà il via alla sequenza delle scene che compongono il video. Nelle immagini vediamo persone riprese in momenti della vita quotidiana, tutte però accomunate da una cosa: si stanno preparando per andare al Dolomiti Pride. Troviamo quindi William e Vittorio, coppia storica della comunità LGBT trentina, ma anche un bimbo che chiama il padre per andare al pride, due ragazzi che si salutano con un bacio, una coppia in lederhosen seduta ai tavolini di un bar, due ragazze che passeggiano mano nella mano in piazza Duomo, una famiglia etero e una omogenitoriale. Insomma, la stessa Trento bella e colorata che il 9 giugno scenderà in piazza per il Dolomiti Pride. La regia è di Gianluca Tanel con la collaborazione di Emma Ragozzino. Il nostro grazie più sentito a tutti e tutte coloro che hanno messo il loro entusiasmo e i loro sorrisi in questo video.

Con la canzone e il video il Dolomiti Pride celebra dunque l’attesa, i 31 giorni che ancora ci separano dal 9 giugno. Lo facciamo tracciando un primo parziale bilancio di quanto è stato fatto e di quanto rimane ancora da fare. Come sapete il Dolomiti Pride è composto da un calendario fittissimo di pre-eventi cominciati addirittura a marzo. Un calendario che è andato via via arricchendosi di tanti appuntamenti, ben oltre le nostre previsioni iniziali.

Gli ultimi della serie sono i 2 cineforum e la serata dialogo organizzati in Val di Sole, rispettivamente a Ossana l’11 maggio (con la proiezione di “Chiamami col tuo nome”), a Malé il 19 (con la proiezione di “Due volte genitori”) e a Dimaro il 25 (con la serata dialogo “Etero o gay, sono tutti figli miei”). L’iniziativa della Val di Sole ci fa particolarmente piacere, perché è nata in modo spontaneo dalle amministrazioni di quei Comuni e perché punta a portare il messaggio del Dolomiti Pride in territori che rischiano di rimanere periferici rispetto alle nostre battaglie.

Soprattutto, in questi mesi abbiamo potuto emozionarci davanti all’impegno degli oltre 100 fra volontari e volontarie che stanno dedicando il loro tempo e le loro energie all’organizzazione dei pre-eventi, della parata e della festa che chiuderà il pride day al Parco delle Albere. Un lavoro imponente che senza il coinvolgimento e la generosità di tutte queste persone non sarebbe stato possibile.

D’altronde l’attenzione e la simpatia della comunità trentina verso questo Dolomiti Pride è emersa fin da subito, fin dalle prime battute della nostra campagna di crowdfunding): avviata a metà marzo con l’obiettivo di raggiungere entro il 9 giugno i 4.000 euro, già oggi, a oltre un mese dal pride, intravediamo vicinissimo il traguardo. La campagna però non si ferma e proseguirà fino alla sua naturale scadenza, soprattutto per dar modo a quanti e quante vivono lontano dal Trentino di farci sentire la loro vicinanza e il loro supporto. Per premiare la loro generosità ci sono le tantissime ricompense (t-shirt, cappellini, zainetti, braccialetti, spillette) del Dolomiti Pride. D’altronde, e qui torniamo a citare la nostra canzone, «Il premio più alto lo vince soltanto chi sorride, chi abbraccia più forte, senza nessun timore, la giostra che gira al Dolomiti Pride!».